Ibrahimovic: “Fonseca nuovo allenatore. Big restano e su Zirkzee…”

By Mario Labate -

Il Milan ha comunicato ufficialmente l’ingaggio di Paulo Fonseca come nuovo allenatore. Il tecnico portoghese è stato presentato ufficialmente da Ibrahimovic in conferenza stampa.

Intervenuto in conferenza stampa da Milanello, Zlatan Ibrahimovic ha presentato la nuova stagione del Milan partendo dalla decisione di nominare Paulo Fonseca come nuovo tecnico.  Il portoghese, che ha firmato un triennale da 2,5 milioni di euro a stagione, è stata una scelta presa all’unanimità dalla dirigenza spiega Ibrahimovic.

Ibra presenta Fonseca

“Il nuovo allenatore sarà Paulo Fonseca. Lo abbiamo studiato bene e dopo averci pensato a lungo, abbiamo deciso di andare avanti con lui. Vogliamo la sua identità con i giocatori che abbiamo, un calcio con una mentalità offensiva. Dopo cinque anni, con tutto il rispetto per Pioli, volevamo proporre qualcosa di nuovo e fresco per i giocatori.

“Abbiamo studiato come Fonseca prepara le partite, come prepara i giocatori e come imposta le sue squadre. Volevamo portare qualcosa di nuovo anche a San Siro. Con i giocatori che abbiamo vogliamo che scatti e Fonseca è all’altezza, è l’uomo giusto”. 

Sulla permanenza dei Big al Milan

Ibrahimovic si è anche soffermato sul futuro di Maignan, Theo e Rafael Leao. Il dirigente svedese ha chiuso le porte ad un possibile addio dei Big rossoneri: “Resteranno sicuramente al Milan. Nei loro ruoli sono tra i migliori al mondo e pertanto non intendiamo depotenziare la nostra squadra nella prossima stagione. Rinnovo di Theo e Maignan? Tutto può succedere, ci sono delle trattative con loro ma se uno dei due dovesse chiedere di andare via faremo delle valutazioni”. 

Su Zirkzee e l’acquisto in attacco

“Se parliamo di squadra, se guardiamo a un anno fa, dove i miei colleghi hanno fatto un ottimo lavoro portando 12 giocatori con un grande mercato, la strategia è stata quella di gettare le basi. Questo mercato sarà più che dettagli per migliorare la squadra e il ruolo in campo.

“Uno di questi è il numero 9, dopo Olivier è libero. C’è Jovic ma c’è spazio per un altro. E’ un ruolo che stiamo cercando. Zirkzee è un giocatore forte, ha potenziale, ha fatto una grande stagione. Le voci che circolano sono abbastanza lontane dalla realtà, sia che siamo vicini o lontani.

“Zirkzee è come me? Non mi piace paragonare i giocatori, lui non solo gioca bene ma gioca molto bene. Viene dalla scuola calcio olandese come me. Poi non so se lui è un altro Ibra oppure no, io sono Zlatan e lui è Zirkzee”.

“Quando si tratta di negoziati tutti vogliono sfruttare la situazione. A loro piace far finta che il club sia sotto pressione. Ma deve andare bene per noi, non solo per loro. Non è beneficenza, deve essere positivo per il club. Spendiamo in modo intelligente, che valore ricaviamo da questa situazione”.

Sul suo nuovo ruolo da dirigente

“Posso iniziare dicendo che dopo sei mesi i miei capelli sono già diventati grigi. Lavoriamo. Dopo il mio ritiro dal calcio, hai un’altra libertà. Libertà di vita, nel fare le cose, poi ho due figli. Sono stato lontano dalla famiglia per molto tempo, perché nel calcio c’è questo sacrificio.

“Ma non in negativo, dedichi molto tempo al calcio. Quando ti fermi, è importante che la mente sia attiva. Sono andato avanti così, poi ho ricevuto la telefonata di Giorgio Furlani che mi ha detto ‘Vieni a Milanello, salutami’. Da lì si vede, non sapevo nulla.

Sul rapporto con Cardinale

“Era tutto nell’amicizia, per quello che ho fatto, per la storia. Da lì siamo andati avanti, ho avuto il primo incontro con Gerry Cardinale. Abbiamo appena parlato, io e lui, un incontro durato qualche ora. Mi ha chiesto della vita, cosa pensavo di fare adesso.

“Mi ha fatto la proposta di tornare a Milano, come partner operativo di RedBird. A Gerry spiegai: ‘Se devo andare al Milan deve essere un progetto vincente’. Non accetto di perdere, devo e voglio vincere. E vincerò.

“Gerry ha risposto ‘Benvenuto nel club’. Abbiamo la stessa ambizione. Siamo partiti da lì e dopo 6 mesi i miei capelli sono grigi ma procediamo passo dopo passo. Mi sento forte. Abbiamo parlato molto prima di iniziare questa avventura. Ho incontrato la persona e parliamo la stessa lingua, abbiamo gli stessi pensieri.

“Gerry è un vincente: vuole arrivare lì, fare a modo suo, con ambizione. Dobbiamo creare un progetto vincente, non solo nel presente ma anche nel lungo periodo. Ho detto “Gerry, sono l’uomo perfetto”. Ma sempre con intelligenza. Siamo partiti da lì ma con ambizione”.

Sugli obiettivi del Milan

“Il prossimo passo è rafforzare la squadra per renderla ancora più forte ed essere competitiva per gli obiettivi che abbiamo, ovvero i trofei. Non solo in Italia ma anche in Europa, perché la storia del Milan è anche in Europa. Dal 2011 al 2023 la storia non è stata come quella del Milan.

“Il Milan non vince, fa la storia: questa è la differenza con le altre. Devi essere questo pensiero, questa mentalità e questi obiettivi. Nessuno ha detto che eravamo soddisfatti. Siamo arrivati ​​secondi, in Europa League non abbiamo fatto bene, siamo d’accordo con i tifosi che non siamo soddisfatti.

“Dopo la stagione si fa una valutazione, ma qui non c’è limite. Il cielo è il limite. Vogliamo migliorare ed essere più forti di quanto siamo oggi”.

Sul futuro

“Sono molto ottimista e positivo. Abbiamo un gruppo con giovani leader, hanno fame. Vogliono fare la differenza. Abbiamo la nostra strategia, il nostro piano. Non è perché perdi una partita che ti fai prendere dal panico. Siamo fiduciosi in ciò che facciamo. Seguiamo la nostra strategia, il futuro è positivo.

“Poi tutti fanno questo lavoro per il Milan, non per obiettivi personali. Ma non solo a parole, non voglio fare promesse che non voglio mantenere: vogliamo dimostrarlo, lavoriamo ogni giorno”.

Su Lopetegui e Conte

“Il nome di un allenatore era sui giornali tutti i giorni. Moncada ne voleva uno, Ibra un altro, Cardinale un altro, i tifosi un altro e Furlani un altro. Fonseca è la realtà. Ci sono nomi messi sul tavolo, di cui abbiamo discusso. Poi tra Lopetegui e Fonseca era più verso Fonseca”.

“Prima abbiamo studiato il tipo di allenatore, il tipo di identità nel suo gioco. Poi quando esce il nome di Fonseca viene voglia di incontrare la persona, faccia a faccia. Abbiamo fatto le nostre richieste e viceversa.

“Lì avevamo un bel feeling, ci ha convinto della sua ambizione, della sua voglia di lavorare e di fare bene. Al Milan hai un allenatore, non un dirigente. Non abbiamo discusso di Conte, non era quello che cercavamo”.

Sul budget per il calciomercato

“Sulla prima squadra si investe tutto ciò che è positivo, perché vogliamo migliorarla. Poi c’è l’Under 23, ma il cuore del bilancio è sulla prima squadra. Ciò che facciamo è investito lì. A Milano collaboriamo tra Moncada e Furlani e decidiamo cosa è meglio. Poi alla fine prendo le decisioni e loro mi seguono (ride)”.

Su Camarda

“Aveva più talento di me alla sua età. Per noi è importante, è il futuro del Milan. Non ha tutte le responsabilità addosso ma è ancora giovane. Vogliamo proteggerlo, farlo crescere e fargli diventare ciò che può diventare. Ha molta fame e vuole migliorare. Bisogna procedere passo dopo passo con lui”.

Tags AC Milan
Seguici