Rafael Leao lavora anche al mercato del Milan: “Ho contattato Cancelo”

By Mario Labate -

Rafael Leao parla apertamente dei suoi pregi e difetti intervistato da Fabrizio Romano. Il portoghese si sente al centro del progetto Milan e si è messo a disposizione anche nel reclutare talenti. 

Intervistato da Fabrizio Romano per il sito Sport.xyz, Rafael Leao ha raccontato la propria carriera e il suo passaggio dal Lille al Milan avvenuto nel 2019. Con la maglia rossonera il portoghese si è tolto diverse soddisfazioni come lo Scudetto e il premio di MVP della Serie A nel 2021-22.

Nonostante il periodo di flessione vissuto, Rafa è tornato ad essere decisivo con il Milan come testimoniato dall’ultima gara vinta contro il Cagliari. Contro i sardi l’ex Sporting ha messo a segno un gol e un assist.

Fabrizio Romano intervista Rafael Leao

“Il dribbling? Onestamente penso che sia un istinto, giocare per strada con i miei amici, guardare i miei idoli come Ronaldinho e Cristiano e provare a farlo in campo come ripetere, ripetere, ripetere. Quando ero più piccolo, quando ero ragazzino.

“Adesso sto cercando di migliorare la rifinitura perché mi sento un attaccante, ma anche un giocatore di squadra. Tuttavia devo migliorare nella freddezza sotto porta e nell’ultimo passaggio”. 

Quando è stata la prima volta che hai avuto la sensazione di avere un talento speciale?

“Credo 16-17, perché prima ero allo Sporting ovviamente ma ho visto alcuni miei compagni giocare più di me, più minuti, più partite, e mi sono chiesto ‘perché non gioco? ?’

“Poi due anni dopo, un allenatore durante la preparazione pre-campionato è venuto da me e ha iniziato a parlarmi e abbiamo avuto una conversazione e mi ha detto: ‘Rafa, puoi essere quello che vuoi. Rimani concentrato, ti aiuterò. Proveremo altre cose che non hai e che devi migliorare’. Penso che in quel momento mi abbia davvero aiutato e da lì ho iniziato a crescere”. 

Che consiglio hai ricevuto da Cristiano Ronaldo e com’è giocare con lui?

“Penso che non sia una questione di talento, ma di mentalità. Come prepari la partita durante la settimana, prima dell’allenamento, prima della partita. Quindi è un piacere, sono orgoglioso di giocare con lui in Nazionale.

“Penso che per noi giovani giocatori – perché siamo in tanti, Joao Felix ecc. – penso che sia un piacere averlo in Nazionale. E giocare con lui ancora per anni, perché penso che sia un esempio per tutti”.

Il suo rapporto con il Milan

“Quando sono arrivato, le mie prime partite non erano state troppo positive. Ma ho sentito il sostegno perché quando sono arrivato il mister non mi ha inserito in alcune partite e per me è stato difficile.

“Ma so che quando sono arrivato al Milan c’erano tanti giocatori di grande qualità ed io ero giovane, ma nella mia testa pensavo ‘rimani concentrato, migliora con loro, impara ogni giorno e aspetta l’opportunità’.

“Nella mia testa pensavo ‘penso che sappiano cosa posso fare ma devo spingere di più’, perché il Milan è un club storico, ha vinto tante Champions League, ci sono tanti giocatori leggendari qui, quindi devo mostrare loro che non è una questione di talento ma anche di passione.”

Il Milan è un club storico ed è un club che vince. Cos’ha il Milan che secondo te gli altri club non hanno?

“Qualunque cosa. Lo stadio, i tifosi, la passione, la città… tutto, tante cose”.

Cosa diresti a qualcuno che vorresti che ti raggiunga al Milan?

“Io posso dire una cosa… in Nazionale parlavo con Cancelo, perché giocava nell’Inter e mi ha detto ‘Sinceramente mi piace molto il Milan, il Milan è un bel club. Quando giocavo allo stadio contro di loro sentivo i tifosi e quando ero ragazzino mi piaceva molto il club’.

“Gli ho detto ‘Vieni!’ Ma lui mi ha detto “è difficile”. Era al Manchester City e mi disse che era difficile. Ho provato! La nostra nuova era al Milan riguarda i giovani giocatori di talento, quindi Cancelo è un profilo perfetto!”

Tags AC Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici