Merci Olivier: i 9 grandi momenti vissuti da Giroud al Milan

By Mario Labate -

Riepiloghiamo insieme i 9 momenti più belli vissuti da Giroud nel corso delle sue emozionanti tre stagioni al Milan. Voi quale preferite?

Giroud è arrivato dal Chelsea nell’estate del 2021 e originariamente doveva essere il vice di Zlatan Ibrahimovic, ma le sue 130 presenze condite da  48 gol e 19 assist dimostrano quanto per il Milan sia stato molto di più.

Il francese ha segnato gol entrati nella storia del club e ha immesso la propria esperienza in un gruppo giovane e talvolta ingenuo come quello rossonero. Giroud è stato assoluto protagonista nell’anno dello Scudetto e ha contribuito in maniera significativa al ritorno del Milan tra le prime 4 d’Europa.

Dopo tre anni di emozioni, le strade del Milan e di Giroud si separeranno. Il francese ha infatti annunciato il proprio passaggio al Los Angeles FC. Attraverso un’emozionante intervista rilasciata a Milan TV, il francese ha anche ricevuto il messaggio d’addio da parte di allenatore e compagni.

Giroud avrà occasione di salutare i propri tifosi a San Siro tra un paio di settimane nel match casalingo contro la Salernitana. Prima di farlo proviamo però a ripercorrere le tappe più emozionanti della sua avventura in rossonero.

Il gol del pareggio contro la Lazio

Per molti la vittoria al cardiopalma per 2-1 contro la Lazio è stato il vero lasciapassare allo Scudetto   2021-22. Dopo essere passato in svantaggio, il Milan è riuscito a rimontare proprio grazie alle prodezze del centravanti francese.

Negli occhi dei tifosi risplende sicuramente il gol di Tonali allo scadere, una rete che però non avrebbe avuto lo stesso peso se prima Giroud non avesse trovato il pareggio.

Il gol al Maradona

Dopo un primo tempo spigoloso tra le due contendenti al titolo, è apparso subito che per sbloccare il per il big match del Maradona servisse la giocata di un fuoriclasse.

La responsabilità anche in quel caso se l’è presa Giroud che con quel gol, siglato a quattro minuti dall’inizio della ripresa, ha permesso il Milan di sbancare l’ex San Paolo.

Si è girato Giroud

Per molti la doppietta siglata contro l’Inter nel febbraio 2022 sarà ricordata come la pagina più bella della storia recente del Milan. Con quei due gol Giroud ha sicuramente preso un posto imperituro all’interno dei cuori di ogni tifoso rossonero.

Infatti il Milan, sotto all’intervallo contro un Inter lanciata verso lo Scudetto, è riuscito a ribaltare non solo il risultato ma anche la direzione del finale del campionato. La prima rete di Giroud, siglata ad inizio ripresa, ha acceso le speranze. La seconda marcatura del francese, e la sua abilità nel girarsi intorno a De Vrij per realizzare il 2-1 sotto la Curva Sud, l’hanno irrimediabilmente fatto entrare nella leggenda.

Il sigillo Scudetto

Il momento culminante di quella stagione scudetto è stato sicuramente il successo al Mapei Stadium. Anche in quel caso la doppietta di Giroud ha propriziato il successo che avrebbe pochi minuti dopo portato il Milan a cucirsi al petto il proprio 19esimo Scudetto.

La qualificazione in Semifinale di Champions

Anche la corsa alle semifinali di Champions League della scorsa stagione portava la firma di Giroud. Oltre al gol nella fase a gironi, il francese ha messo a segno anche la rete che ha regalato al Milan il posto in semifinale.

Ancora una volta a propiziare la marcatura è stata una giocata strabiliante di Rafael Leao che ha servito a Giroud il più facile dei gol permettendogli di realizzare il 2-0 contro il Napoli al Maradona.

Portiere per caso

Guardando le statistiche di Giroud, oltre ai gol e agli assist detiene anche un clean sheet. Il francese ha infatti tenuto la porta del Milan inviolata dei pazzeschi 10 minuti contro il Genoa in cui è stato costretto a sostituire l’espulso Mike Maignan.

Al 105′ – dopo che erano stati concessi 15 minuti di recupero a causa di tutto questo caos – il 37enne ha effettuato una parata meravigliosa su Puscas. Un gesto forse non pulitissimo dal punto di vista tecnico ma che, come lui stesso afferma, l’ha fatto esultare come se avesse segnato un gol.

Festa Scudetto

Restando sul tema del non-gol, volevamo scegliere qualcosa che mostrasse il proprio ruolo di leader e uomo-spogliatoio al Milan.

Vedere Giroud cantare sull’autobus, accendere razzi e ballare con il trofeo dello Scudetto tra le braccia ha sottolineato quanto fosse forte il legame che il francese aveva con i colori rossoneri.  Non era dunque una frase di circostanza il suo “Tifo Milan da quando ero bambino” detto nel giorno della presentazione a Milanello.

La vittoria con il Psg

Non ci sono state tante notti memorabili in questa stagione, ma una di queste si può sicuramente rintracciare nel 2-1 ottenuto contro il Psg nella fase a gironi della Champions League.

Anche in questo caso i rossoneri sono inizialmente sotto nel risultato, ma tengono alte le speranze di rimonta. Il pareggio di Leao ha acceso gli animi di San Siro, poi in aperto giubilo all’incornata spettacolare di Giroud.

Vittoria con la Juventus

Concludiamo la lista con la vittoria contro la Juventus all’Allianz Stadium la scorsa stagione. Un successo che ha permesso al Milan di ipotecare la qualificazione alla Champions League 2023-24.

Il preciso cross di Calabria è stata l’occasione che Giroud ha tramutato in uno dei più bei gol segnati con la maglia del Milan.

 

Tags AC Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici