Pioli: “Maignan domani gioca. Voglio fare 1000 panchine con il Milan”

By Dario Bombelli -

Il tecnico rossonero Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro l’Atalanta

Il tecnico rossonero Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro l’Atalanta. Le sue dichiarazioni:

Sulla partita – “L’Atalanta è una grande squadra. Ha organizzazione, tecnica e fisicità. Sarà una partita aperta, con due squadre che vorranno segnare un gol in più dell’avversario”

Sui recuperi – “Ibra sta sempre meglio. Calabria e Bennacer non sono convocati ma li avrò da mercoledì in squadra e saranno convocati. Florenzi anche”

Su Maignan – “Mike sta bene. Giocherà domani. Devo dire innanzitutto che Tatarusanu ha fatto pienamente il proprio dovere. Sono molto contento di quello che ha fatto. Mike è stato un leone in gabbia. Ha lavorato bene e sta bene. E’ molto motivato”

Sulla partita – “Classifica molto corta. Mi aspetto una partita combattuta. Noi stiamo bene di testa e di gambe. Vogliamo provare ad essere padroni della partita, essere pericolosi e subire poco”

Su Maignan – “E’ stato il miglior portiere della passata stagione. E’ molto comunicativo. Domani sarà l’unico giocatore ad avere un po’ più di tempo per cominciare la costruzione. Non gioca da 5 mesi, ma sta bene. Dovrà riprendere il suo ritmo e la sua posizione. Sono molto contento del suo rientro”

Su Leao – “Sarebbe sbagliato intraprendere un nuovo sistema di gioco con qualche giocatore non felice. Leao è molto contento di giocare in quella posizione. Rafa ha molta libertà di azione. Spesso fa quello che l’intuito gli dice”

Su Ibra – “Potrebbe entrare. Si è sacrificato tanto e adesso è pronto per giocare”

Su – “Più giocatori di leadership ci sono a disposizione più ci sentiamo forti. L’aspetto tecnico tattico è importante, ma quello mentale e di personalità anche”

Sulla panchina numero 800 e su quella migliore e peggiore – “Non voglio fermarmi. Voglio arrivare a 1000 panchine con il Milan. So che non è facile. Tutto quello che è successo mi ha fatto crescere. Mi auguro che nel mio futuro ci siano altri momenti importanti come la vittoria dello Scudetto”

Su Bennacer – “Ha avuto una piccola lesione muscolare. Abbiamo provato a recuperarlo per il Tottenham anche per problemi di lista. Adesso sta bene ma non è il caso di rischiarlo, la settimana prossima sarà pronto”

Su De Ketelaere – “Ho parlato tanto con lui in questi mesi. Si sta inserendo in un sistema diverso. Mai come in queste settimane l’ho visto così convinto. Ci ha messo più tempo, ma sta bene. Non è solamente un bravo ragazzo. Lui ci farà vincere le partite”

Sui giocatori penalizzati – “E’ difficile per me fare le scelte. E le faccio provando dispiacere perché meriterebbero tutti di giocare. Quello che vedo nei loro occhi mi rende orgoglioso. Si va avanti cercando di mettere in campo la formazione migliore”

Su Hojlund – “Lo avevamo già studiato. Lo conosciamo come tipo di giocatore. E’ un centravanti diverso dagli ultimi che abbiamo incontrato, va molto bene in profondità”

Sul modulo a 4 – “Si può tornare a quattro. Continuo a ripetere che non è il sistema di gioco che ci fa vincere, ma l’interpretazione e la convinzione che mettiamo in campo”

Su De Ketelaere – “Può giocare benissimo dove gioca Brahim ora. Nel Bruges svariava molto. Le sue occasioni stanno aumentando. Il gol arriverà. Il primo gol che farà me lo immagino fortunoso, poi dopo andrà meglio”

Sulla stagione – “Manca ancora tanto. Io continuo a credere che dobbiamo pensare solamente una partita alla volta. Siamo una squadra forte. Possiamo vincere tutte le partite ma solamente se siamo focalizzati”.

Seguici